Consapevolezza associata a una migliore salute psicologica per i sopravvissuti all’arresto cardiaco Leave a comment


La pratica della consapevolezza era associata a un minor numero di sintomi psicologici, come stress post-traumatico, depressione e ansia.

I sopravvissuti all’arresto cardiaco che hanno praticato la consapevolezza hanno riportato meno sintomi di depressione, ansia e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai sopravvissuti che erano meno consapevoli, secondo i risultati preliminari della ricerca presentati al Simposio di scienza della rianimazione dell’American Heart Association 2021.

L’arresto cardiaco è spesso fatale se la rianimazione cardiopolmonare (RCP) o gli shock del defibrillatore non vengono erogati entro pochi minuti per ripristinare il normale ritmo cardiaco. L’aumento dei tassi di sopravvivenza può essere parzialmente attribuito a una migliore consapevolezza e formazione per riconoscere e trattare rapidamente le persone che soffrono di arresto cardiaco tra il pubblico in generale e gli operatori sanitari.

“Sebbene i tassi di sopravvivenza siano migliorati, gli effetti fisici, cognitivi e psicologici dell’arresto cardiaco sopravvissuti possono protrarsi per anni, segnalando la necessità di cure immediate e a lungo termine per i sopravvissuti”, ha affermato Alex Presciutti, MA, MSCS, dottorando presso l’Università del Colorado, in un comunicato stampa. “Abbiamo condotto questo studio per esaminare potenziali modi per prevenire e trattare i sintomi psicologici, come il disturbo da stress post-traumatico, la depressione e l’ansia, tra i sopravvissuti all’arresto cardiaco. Ci siamo concentrati su come la mindfulness, definita come consapevolezza non giudicante del momento presente, possa essere correlata ai sintomi psicologici nei sopravvissuti all’arresto cardiaco a lungo termine”.

Gli investigatori hanno valutato 129 persone sopravvissute all’arresto cardiaco per una media di 5 anni e che erano membri del gruppo di supporto online della Fondazione per l’arresto cardiaco improvviso. I partecipanti allo studio hanno completato 2 sondaggi sulla salute mentale: il PTSD Checklist-5, che verifica il disturbo da stress post-traumatico, e il Patient Health Questionnaire-4, che valuta i sintomi di depressione e ansia. I partecipanti hanno completato questi studi una volta per la linea di base e una seconda volta in un anno di follow-up.

Secondo i risultati dello studio, la pratica della consapevolezza era associata a un minor numero di sintomi psicologici, come stress post-traumatico, depressione e ansia. I sintomi di base erano moderatamente predittivi dei sintomi psicologici al segno di 1 anno, il che significa che i partecipanti che avevano un carico di sintomi maggiore al momento di base avevano un numero maggiore di sintomi alla valutazione di 1 anno.

“Questi risultati suggeriscono che i sintomi psicologici dopo l’arresto cardiaco non svaniscono semplicemente. Se non trattati, possono persistere”, ha detto Presciutti nel comunicato. “Tuttavia, la pratica della consapevolezza sembra essere un potenziale fattore protettivo contro i sintomi psicologici e dovrebbe, quindi, essere studiata ulteriormente in questa popolazione”.

I potenziali limiti dello studio includono che tutti i partecipanti erano bianchi e membri dello stesso gruppo di supporto online, riducendo la generalizzabilità e che i ricercatori hanno misurato la consapevolezza solo durante un singolo follow-up rispetto a più valutazioni durante lo studio.

“Il nostro team di studio sta attualmente seguendo le persone che sopravvivono all’arresto cardiaco dalla dimissione ospedaliera nel tempo, esaminando i potenziali ruoli della consapevolezza e di altri fattori protettivi sui sintomi psicologici”, ha affermato Presciutti. “Il nostro obiettivo è utilizzare i risultati di questi studi per sviluppare interventi che possano prevenire e trattare i sintomi psicologici nei sopravvissuti all’arresto cardiaco”.

RIFERIMENTO

Consapevolezza legata a una migliore salute psicologica un anno o più dopo l’arresto cardiaco [news release]. EurekAlert; 8 novembre 2021. Accesso all’8 novembre 2021. https://www.eurekalert.org/news-releases/933495



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.