Come Rockstar ha inventato i giochi open world Leave a comment


Come si costruisce un intero mondo dal nulla?

Per il direttore artistico Aaron Garbut, è stato semplice come aggiungere una terza dimensione. Grand Theft Auto III, rilasciato da giochi da rockstar il 22 ottobre 2001, ha cambiato la storia dei videogiochi con un semplice cambiamento. Ha spostato la prospettiva da una prospettiva 2D dall’alto verso il basso a un ambiente 3D immersivo.

“Improvvisamente eri in questo mondo, non al di sopra di esso”, dice Garbut.

Sebbene onnipresente nel 2021, giochi open world semplicemente non esisteva nei primi anni 2000. Ed è francamente difficile immaginare come potrebbero esistere questi tipi di giochi senza GTA III. Il primo gioco della serie ad attraversare il soglia di vendita a otto cifre, GTA III trasformato un successo in un blockbuster. Ancora più importante, ha stabilito i concetti che hanno aperto la strada a gta V, che ha venduto più di 150 milioni di copie dal suo lancio nel 2013.

Quel successo non sarebbe stato possibile senza la visione creativa di Garbut, che funge da art director per il Grand Theft Auto e Red Dead Redemption serie.

“Sono orgoglioso della nostra squadra e del percorso su cui siamo rimasti”, afferma Garbut. “Sembra che abbiamo costruito le fondamenta, il set di regole, il progetto. Che abbiamo contribuito a creare un genere che altri hanno seguito e su cui hanno trovato la propria strada”.

Per celebrare il 20° anniversario del gioco e l’imminente lancio di Grand Theft Auto: The Trilogy – L’edizione definitiva, Garbut condivide la sua prospettiva sulla transizione rivoluzionaria della serie agli ambienti 3D, la genesi del genere open world e l’eredità duratura di GTA III.

Una nuova dimensione

Arte chiave di 8-Ball, un personaggio della serie ricorrente che è apparso per la prima volta in GTA III.giochi da rockstar

Rilasciato per la prima volta sull’allora nuovissima PlayStation 2, GTA III ha segnato una partenza massiccia per la serie. La transizione ha trasformato il ciclo di gioco principale di GTA – alla ricerca di problemi, per poi trovarne inevitabilmente troppi – in un’esperienza molto più coinvolgente. Ciò ha richiesto un equilibrio più sottile e sfumato tra grafica e gameplay.

Secondo Garbut, passare dal 2D al 3D è stato molto più di un semplice cambio di prospettiva.

“Questo è cambiato molto nel modo in cui dovevamo guardare alla realizzazione del gioco”, dice. “Avevamo bisogno di un mondo che fosse molto più dettagliato, che si potesse vedere in lontananza, con cui si potesse interagire da vicino e personalmente. Ha spostato le aspettative su quanto volevamo che fosse cinematografico e connesso, e ci ha allontanato da alcuni degli elementi super giocosi”.

Il nuovo motore 3D e le meccaniche della fotocamera hanno portato a un ripensamento quasi esistenziale di ciò che un gioco Grand Theft Auto potrebbe essere e fare. Non si trattava solo di superare i livelli e guadagnare punti. Si trattava di creare un mondo virtuale in cui i giocatori volevano tornare ancora e ancora.

giochi da rockstar

“Quando abbiamo iniziato a vedere come volevamo immergere il giocatore nel mondo, per poter interagire con il mondo e i suoi personaggi dal livello del suolo, questo ha iniziato a informare il modo in cui le squadre vedevano il mondo intero”, afferma Garbut. “Precedente a Grand Theft Auto III, i giochi erano qualcosa a cui giocavi: un’avventura a cui lavoravi o un puzzle che risolvevi. GTA III li ha resi un luogo in cui hai vissuto”.

GTA III è stato in grado di raggiungere questo obiettivo grazie all’attenzione maniacale per i dettagli atmosferici che da allora è diventata un segno distintivo del lavoro di Rockstar, sia che si tratti della parodia degli annunci sui social media in gta V o il catalogo Wheeler, Rawson, & Co. in Red Dead Redemption 2. Naturalmente, per una serie chiamata Grand Theft Auto, molta di quell’attenzione era concentrata sulle auto, ma era tutt’altro che l’unico elemento importante per fare bene.

“I giochi erano una cosa che giocavi… GTA III li ha resi un luogo in cui hai vissuto”.

“Man mano che l’esperienza del giocatore con i veicoli si approfondiva, abbiamo dovuto elevare gli altri aspetti del gioco per soddisfare questa nuova realtà”, spiega Garbut. “I team di musica e audio stavano aiutando a costruire questo nuovo spazio più coinvolgente per il giocatore, e le stazioni radio di musica e talk hanno portato l’esperienza del mondo a nuovi livelli. Che si trattasse di curare la musica esistente come la classica di Double Clef o il pop anni ’80 di Flashback, o anche di scrivere canzoni in-house appositamente per adattarsi ad alcune delle stazioni, GTA IIIl’approccio alla musica è stato un punto di svolta nella serie e da allora il team ha continuato a evolversi”.

Un mondo vivente

giochi da rockstar

Anche due decenni dopo, molte delle cose con cui Garbut e il team di Rockstar stavano cercando di realizzare GTA III rimangono rilevanti oggi. Dimentica Mark Zuckerberg metaverso — Rockstar ha fatto intrattenimento immersivo meglio di chiunque altro per decenni.

“Vogliamo creare mondi in cui ti senti come se stessi vivendo, dinamici e pieni di altri personaggi”, afferma Garbut. “Vogliamo che questi mondi siano intrinsecamente divertenti, in cui non devi fare nulla, non devi giocare il gioco in un modo specifico, o anche vivere la storia a meno che tu non lo voglia. Invece, puoi semplicemente… essere. Laddove il mondo stesso è vivo con la scelta e solo scherzare in esso è valido e divertente come affrontare una missione – dove, in effetti, i confini tra ciò che è incasinato e ciò che è il “gameplay principale” si confondono.”

giochi da rockstar

Da quando GTA III, Rockstar ha continuato ad espandere gli orizzonti del genere open world. E da dove è seduto Garbut, il futuro sembra luminoso.

“Amo i giochi open world”, dice. “Sento che hanno molto più da fare rispetto a dove sono attualmente. So che grazie al successo di tutti i nostri giochi open world e al team globale che abbiamo che ha così tanti anni di esperienza lavorando insieme su di essi, che siamo in una posizione unica per spingerli più in là che mai e più eccitante di tutti, io Sono sicuro che lo faremo. Non c’è la stessa esperienza e conoscenza collettiva, o le relazioni costruite in questo lasso di tempo in un posto da qualche altra parte”.

Insieme a Grand Theft Auto: The Trilogy – L’edizione definitiva in arrivo su console e PC entro la fine dell’anno, una nuova generazione di giocatori potrà sperimentare da sé questo classico moderno. E mentre i giochi più recenti di Rockstar rappresentano un balzo in avanti in termini di scala e dettagli, il DNA di GTA III rimane abbondantemente evidente.

Grand Theft Auto IIIla vera eredità deve ancora venire: facciamo grandi passi avanti su ogni titolo e sono sempre entusiasta di vedere il prossimo salto in avanti”, afferma Garbut. “Grand Theft Auto III ha iniziato il viaggio per noi, ma siamo ancora solo all’inizio”.

Per ulteriori informazioni sui pensieri di Aaron Garbut su GTA III, dai un’occhiata a questa storia sul nostro sito gemello, Ingresso.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.