Come i giocatori online del Libano stanno perdendo la loro fuga virtuale dalla realtà Leave a comment


Rita insegue il suo nemico dai margini della battaglia, invisibile e paziente. Quando arriva il momento giusto, il suo attacco è spietato.

La devastante maledizione lanciata dalla sua enorme e terrificante figura lampeggia nell’aria verso il suo nemico. Ma prima che raggiunga il suo obiettivo, il mondo di Rita diventa nero e silenzioso.

Rita Bitar, 24 anni, giocatrice online in Beirut cercando di guadagnarsi da vivere nel mondo competitivo del live streaming, questa volta ha perso. Ma non è un giocatore rivale che ha tirato fuori spietatamente il suo avatar durante una partita di grande successo mondiale Dota 2.

Invece, e cosa più frustrante, la connessione Internet di Rita è fallita, il che significa che ha perso la sua partita – e potenzialmente il suo reddito – poiché Beirut è ancora una volta colpita da interruzioni di corrente.

del Libano crisi economica è probabile che sia tra i peggiori crolli finanziari del mondo dalla metà del 19° secolo, ha affermato la Banca Mondiale.

Milioni di persone non possono acquistare carburante per le loro auto, riempire gli scaffali di cibo o accendono le luci nelle loro case.

La carenza di carburante necessario per le centrali elettriche ha interrotto le forniture di elettricità, portando a frequenti e prolungate interruzioni di corrente.

Trovare un modo per sfuggire a queste preoccupazioni offre un fugace conforto a chi vive in campagna.

Per molti, il gioco online offre una breve pausa di fantasia da questi problemi fin troppo reali. Per alcuni, fornisce anche uno stipendio.

La fuga di Rita è entrare nel mondo mistico di Dota 2 per affrontare antiche apparizioni e bestie umanoidi. Il suo fidanzato Mark Boustany, 28 anni, potrebbe prendere un fucile da cecchino generato dal computer e salvare gli ostaggi dai terroristi su Counter Strike: offensiva globale.

Entrambi condividono le loro avventure attraverso sessioni di live streaming con gli abbonati che li aiutano a guadagnare uno stipendio.

Questo fino a quando, inevitabilmente, perdono l’alimentazione o la connessione a Internet.

“Andrei a vivere a mezzanotte, ora di Beirut”, ha detto Rita. “Poi la corrente si spegne all’una di notte, quindi l’altra metà del mio flusso è completamente al buio. O a volte il nostro provider Internet non avrebbe l’elettricità quando ce l’abbiamo, quindi avremmo l’elettricità ma non Internet”.

Mark, un appassionato giocatore prima che il gioco su Internet raggiungesse il Libano alla fine degli anni ’90, ha affermato che è difficile per le persone che vivono nei paesi più sviluppati comprendere l’entità del problema.

Per saperne di più

“È straziante non essere in grado di fare ciò che ami”, ha detto Mark. “Il gioco è stato la mia fuga sin da quando ero bambino.

“Non essere in grado di andare online è così frustrante. E quel che è peggio è che ci si disconnette nel bel mezzo del nostro flusso.

“Questo influisce sul nostro [subscriber] numeri in grande stile. A volte, vuoi solo smettere. Ma questo è ciò che amiamo”.

La coppia fa parte di una comunità in crescita di giocatori che si supportano a vicenda sia socialmente che finanziariamente.

Il gruppo è composto da arabi “che vivono in paesi diversi, hanno nazionalità diverse e credenze religiose diverse”, ha detto Mark.

Un membro, “LadyJoe”, una streamer di 29 anni, non può rivelare la sua identità perché lavora per il governo libanese. Fluisce senza rivelare il viso per paura della punizione.

“Molti, molti giocatori abili non ce la faranno a uscire da questo paese perché andranno a cercare altri modi per sostenere se stessi e le loro famiglie”, ha detto.

“Alla fine della giornata, il gioco non li nutrirà.

“Ogni volta che trasmettiamo in streaming, temiamo il momento in cui potremmo improvvisamente andare offline. Ma dal momento che tutte queste difficoltà, i giochi e lo streaming sono stati la mia gioia, il mio rifugio sicuro”, ha detto LadyJoe.

“Spero davvero di poter trasmettere tutta questa positività e speranza ai miei spettatori, perché la maggior parte di loro sono persone nella stessa situazione qui in Libano”.

Mark ha recentemente preso un piccolo prestito in modo da poter garantire una connessione adeguata e iniziare a trasmettere i suoi giochi su YouTube e sulla piattaforma di streaming live di gioco Twitch.

Lui e Rita hanno affittato una casa insieme e hanno dotato i loro computer di potenti batterie al costo di centinaia di dollari ciascuno. Rita ha intenzione di trasferirsi in casa una volta che i due si saranno sposati.

Devono ancora affrontare interruzioni di corrente di sei ore al giorno, ma non si pentono di aver scelto lo streaming su carriere potenzialmente più affidabili, nel campo della psicologia per Rita e della legge per Mark.

Khalil Ibrahim Koussan, 27 anni, di Nabatieh nel sud del Libano, ha affermato di temere di poter perdere la sua “famiglia online” a causa dei tagli.

“Ricorriamo al gioco per sfuggire a tutto ciò che riguarda la vita”, ha detto. “Ci piace questo mondo virtuale per un motivo; è virtuale, una fuga dalla realtà.

“C’erano sempre interruzioni dell’elettricità, molto prima della crisi. Ma quando la crisi economica è cresciuta, ci ha messo davvero a dura prova. Aspetteresti questa fuga. Ma ora sento che sto per perdere il mio sogno, la mia famiglia online”.

Gli eSport guidano la domanda

Secondo la piattaforma globale Research and Markets, il mercato dei giochi in Medio Oriente dovrebbe crescere a un tasso del 12,1% da qui al 2026. Dice che gli eSport – eventi di gioco professionali organizzati trasmessi in streaming a un pubblico dal vivo – stanno guidando questa domanda.

Al contrario, il Libano ha perso la sua unica squadra di eSports professionale subito dopo l’inizio dell’incidente nel 2019. E-Lab, una delle prime organizzazioni del Medio Oriente a sponsorizzare un professionista Dota 2 team, formato nel 2015. Il team ha partecipato a tornei globali e ha organizzato il proprio.

Ha fornito una piattaforma ai migliori giocatori del paese, tra cui Maroun “GH” Merhej, a Dota 2 giocatore con vincite in carriera superiori a $ 4 milioni.

Ora E-Lab esiste solo su carta. Il signor Merhej ora sta giocando per Nigma Galaxy, una nuova organizzazione con sede negli Emirati Arabi Uniti.

“E-Lab è stato un progetto molto ambizioso ed è arrivato prima del tempo”, ha affermato l’ex organizzatore di tornei E-Lab Wissam Tarabay.

“Quando è stato formato E-Lab, il Medio Oriente non era affatto a conoscenza degli eSport, quindi ogni volta che andavamo a ottenere accordi con gli sponsor, tutti ci deridevano”.

Tarabay sta ora lavorando a fianco di molti ex colleghi di E-Lab per una nuova impresa digitale chiamata Quest nella capitale del Qatar, Doha. Il suo canale YouTube, che prende il nome dal suo gamer tag “Derrad”, conta circa 380.000 iscritti, mentre la sua pagina Facebook conta 530.000 follower.

“I giocatori dilettanti in Libano stanno perdendo il contatto con i giochi che amano e sta diventando estremamente difficile per loro”, ha affermato Tarabay.

“Il gioco è una via di fuga per la maggior parte e ora l’accesso a quella via di fuga non c’è più.

“Ho lasciato il Libano un mese fa. Tre mesi fa non potevo più lavorare. Non c’era elettricità né internet e tutto il mio lavoro si basa su internet.

“Il gioco è sempre stato l’hobby della classe media. È un hobby molto costoso: $ 60 per un gioco sono un sacco di soldi per il Medio Oriente”.

“Per il Libano, erano un sacco di soldi e ora è una somma di denaro impossibile da pagare”, ha detto Tarabay.

“Le persone che vogliono giocare ora devono andare nei net cafè o giocare su un cellulare, che non è la piattaforma ideale per un giocatore per fuggire davvero.

“Anche se sei ricco in Libano non puoi vivere la vita. Il denaro non è più un fattore che ti farà sentire a tuo agio”, ha detto.

“Scendi per strada e le persone sono distrutte mentalmente. Tutti sono così tristi ed è una sensazione così cupa”.

Aggiornato: 25 ottobre 2021, 03:26



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.