Come affrontare il dolore Leave a comment


Gli psicologi hanno passato decenni a cercare di determinare i modi migliori in cui le persone dovrebbero affrontare il dolore e la perdita.

Il famoso psicologo Sigmund Freud, ad esempio, pubblicò un saggio nel 1917 sul dolore e sul lutto che delineava il “lavoro sul lutto”.

Lo ha descritto come un periodo di tempo successivo a una perdita in cui una persona deve elaborare o elaborare i propri pensieri, ricordi ed emozioni per andare avanti con la vita, secondo una recensione pubblicata nell’ottobre 2016 nel British Journal of General Practice.

Il dolore, in poche parole, è una risposta emotiva alla perdita, dice Matthew Ratcliffe, PhD, professore di filosofia e ricercatore del dolore presso l’Università di York in Inghilterra. Può essere il risultato della perdita di una persona cara, come un genitore, un amico o un animale domestico, o la perdita di un lavoro o di una relazione romantica, spiega.

“Molte persone si trovano sconcertate e disorientate dal dolore”, dice. “Il mondo intero può sembrare cambiato dalla morte di qualcuno. Niente sembra più lo stesso: tutto sembra carente, strano, sconosciuto”.

Alcuni dei sintomi emotivi più comuni del dolore includono tristezza, desiderio, shock, intorpidimento, negazione, rabbia, senso di colpa e impotenza. Il dolore può portare a dimenticanza, scarsa concentrazione e confusione. Può anche produrre una serie di sintomi fisici, tra cui fiato corto, disagio gastrointestinale, mal di testa, affaticamento, nausea e dolore.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.