Colpire gli operatori sanitari di nuovo al lavoro in NB Leave a comment


Gli operatori sanitari in sciopero con l’Unione canadese dei dipendenti pubblici stanno rispettando l’ordine di ritorno al lavoro della provincia, affermano i leader sindacali.

L’ordine annunciato dal ministro della giustizia venerdì ha un impatto sugli operatori sanitari dei locali 1252, 1190 e 1251, che rappresentano il personale di supporto nelle cliniche e negli ospedali per la vaccinazione e quelli che forniscono servizi di lavanderia agli ospedali e alle case di cura.

“Hanno deciso che sarebbero tornati al lavoro questa mattina perché era un ordine”, ha detto Norma Robinson, presidente di Local 1252.

Il locale di Robinson rappresenta il personale di supporto e gli addetti alla manutenzione negli ospedali, inclusi oltre 2.000 a cui è stato ordinato di tornare al lavoro.

Il locale conta in tutto circa 9.000 membri, di cui il 70 per cento che hanno già lavorato durante lo sciopero poiché ritenuti essenziali dalla provincia.

Anche oltre 200 addetti alla lavanderia sono interessati dall’ordine, oltre a 48 lavoratori della filiera che supporta gli ospedali.

I rappresentanti dell’Unione canadese dei dipendenti pubblici, incluso il presidente Steve Drost, sono stati mostrati in una conferenza stampa sindacale venerdì. (CBC)

Qualsiasi lavoratore che non si presenta al lavoro nei tempi previsti potrebbe incorrere in multe che vanno da $ 480 a $ 20.400 al giorno. Coloro che incoraggiano i lavoratori a scioperare potrebbero anche essere multati.

“Inoltre, la CUPE sarà multata con un minimo di $ 100.000 per ogni giorno in cui un lavoratore non rispetta l’ordine obbligatorio”, ha scritto la provincia in una dichiarazione rilasciata venerdì.

Gli ospedali possono assegnare dipendenti non contraenti, o appaltare il lavoro altrove per garantire la continuazione dei servizi, se necessario, secondo l’ordine, ha aggiunto la nota.

In una conferenza stampa venerdì pomeriggio, gli amministratori delegati delle due autorità sanitarie della provincia hanno dichiarato di aver chiesto l’ordine per la preoccupazione per i pazienti, compresi molti a cui sono stati annullati interventi chirurgici urgenti.

Nel primo pomeriggio di sabato, entrambe le autorità sanitarie hanno inviato comunicati stampa di benvenuto ai lavoratori. Il Vitalité Health Network ha affermato che la situazione negli ospedali sta già migliorando e nei prossimi giorni lavoreranno per aumentare la capacità ospedaliera per gli interventi chirurgici.

L’ordinanza, che è separata dall’ordinanza obbligatoria COVID-19 esistente, si applica solo ai lavoratori in sciopero nel settore sanitario. Il personale scolastico, le guardie carcerarie, gli stenografi del tribunale e altri in sciopero non sono interessati e possono continuare lo sciopero.

CUPE considera le opzioni legali

Il presidente della CUPE Steve Drost ha affermato che anche se gli operatori sanitari stanno rispettando l’ordine, gli avvocati del sindacato stanno esaminando come potrebbero contestarlo.

C’è qualche possibilità che possa violare la legislazione della provincia che definisce chi è considerato un lavoratore essenziale durante lo sciopero, ha affermato Drost.

“I sindacati hanno rispettato questo ordine, ma ci sono sicuramente molte domande su chi si applica e a chi non si applica”, ha detto Drost.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.