Chandigarh riporta un decesso per Covid dopo 74 giorni, il dipartimento della salute esorta alla cautela Leave a comment


Chandigarh ha riportato la sua prima morte per Covid in più di due mesi sabato sera, con una donna di 35 anni, residente nella colonia di Bapu Dham, morta al GMSH-16 intorno alle 20:15. L’UT aveva registrato l’ultima volta un decesso per Covid il 5 ottobre di quest’anno.

Secondo quanto riportato, il 35enne è stato ricoverato al GMSH-16 il 7 dicembre come caso di polmonite bilaterale e non è stato vaccinato per il Covid.

Gli esperti hanno detto che le ultime due settimane hanno visto una fluttuazione nel numero di Covid-19 casi a Chandigarh, con un forte aumento notato sabato, poiché sono stati segnalati 17 nuovi casi. Il numero di casi attivi è salito a 85. Il totale dei casi di Covid in UT come sabato è stato di 65679 e il totale dei decessi dovuti al virus è stato di 1077. Il numero totale di campioni testati nelle ultime 24 ore è stato di 1434 e i recuperi totali sono 64534. Il totale dei vaccini Covid somministrati sabato è stato di 3000.

“Nessuno può dire se questo è l’inizio della terza ondata, ma sì, abbiamo visto un aumento dei casi nelle ultime due settimane e anche delle fluttuazioni. Proprio per questo stiamo monitorando da vicino la situazione, vigilando sulle aree ad alta densità di popolazione, tra cui Bapu Dham, e testando i familiari e i contatti stretti di un caso positivo. Stiamo rintracciando ben 150 persone nel quartiere per rilevare casi asintomatici e silenziosi. Abbiamo chiesto alle persone di isolarsi per prevenire la diffusione dell’infezione. In molti casi, non c’è abbastanza spazio per isolare un paziente. Ecco perché ora abbiamo aperto un Covid Care Center a Bal Bhawan nel settore 23, in modo che un paziente possa essere isolato e anche curato lì. Questo è anche un appello alle persone affinché diffondano voci nella comunità, come i funzionari sanitari che costringono i pazienti Covid a essere ricoverati in un ospedale o in un centro Covid e non vengono fornite strutture ai pazienti. Sappiamo tutti che tutti i pazienti vengono assistiti e forniti delle migliori strutture possibili. Ora è il momento di essere vigili, seguire un comportamento adeguato al Covid e farsi vaccinare per prevenire la diffusione ad ogni costo nella comunità”, ha spiegato il dottor Suman Singh, direttore dei servizi sanitari.

I viaggiatori provenienti da paesi ad alto rischio, ha aggiunto il dottor Singh, sono stati attentamente monitorati, con il dipartimento della salute che controllava il portale Air Suvidha per tracciare il movimento di tali persone verso UT. “Coloro che risultano negativi dopo una RT-PCR a Delhi possono recarsi a Chandigarh e il dipartimento, insieme all’ente civico e alla polizia di Chandigarh monitorano qui il loro periodo di quarantena di sette giorni, dopo di che viene eseguito un altro test. Se il test è negativo, alla persona viene chiesto di mettersi in auto-quarantena per un’altra settimana. Il campionamento è l’unico modo per controllare la diffusione nella comunità, quindi abbiamo aumentato i test in tutta la città e stiamo anche eseguendo il campionamento negli OPD, per controllare i casi asintomatici”, ha aggiunto il dott. Singh.

L’UT ha finora coperto l’81,99 per cento della sua popolazione target con due dosi del vaccino, con il dottor Singh che afferma che gli operatori sanitari stanno ora andando porta a porta in tutta la città per raggiungere coloro che non hanno preso il secondo dose, e la risposta è stata molto incoraggiante.

“Esortiamo le persone a non ritardare la loro vaccinazione, poiché controlla la diffusione dell’infezione e previene le morti”, ha aggiunto. Omicron, ha affermato il dottor Zafar Ahmed, dovrebbe essere un ceppo virulento, il che significa un rapido potenziale di diffusione. “Stiamo assistendo a un graduale aumento dei casi in tutto il paese e presto potremmo avere numeri maggiori. Pertanto, dovremmo tornare alle basi della protezione, ovvero l’uso di maschere, riduzione dei contatti e frequente igienizzazione delle mani. Dobbiamo evitare affollamenti e assembramenti stretti”.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.