C’è un legame tra la salute mentale e impedire ai lavoratori di smettere Leave a comment


fizkes | iStock | Getty Images

Se c’è una cosa che le organizzazioni hanno imparato durante la pandemia, è che la salute mentale e il benessere dei propri dipendenti non sono qualcosa da affrontare un mese o una settimana all’anno.

La nazione potrebbe celebrare ottobre come il mese della consapevolezza sulla salute mentale, ma è un problema che richiede attenzione, risorse e impegno continui, affermano gli esperti.

E con buona ragione. UN Sondaggio della Kaiser Family Foundation all’inizio di quest’anno ha scoperto che quasi la metà degli americani riferisce che la pandemia sta danneggiando la loro salute mentale. Riferiscono la paura di ammalarsi e l’ansia per come sarà rientrare nel posto di lavoro. Per coloro che sono già tornati in ufficio, il burnout è in aumento, con sentimenti di esaurimento emotivo e letargia che prendono piede.

Nell’ultimo anno e mezzo, le aziende sono aumentate. Molti offrono ai dipendenti una miriade di opzioni per la salute comportamentale, tra cui l’accesso a terapisti, app di coaching, benessere e meditazione, pause per la salute mentale, permessi retribuiti e orari flessibili. Sebbene queste offerte possano essere utili, si fermano prima di affrontare il problema se i manager non sono coinvolti nel modo in cui stanno lavorando.

“Non è sufficiente offrire semplicemente programmi”, afferma Jimmy Etheredge, CEO del Nord America presso la società di servizi professionali Accenture. “L’onere è sui leader per dare l’esempio per mostrare alle persone che va bene essere se stessi autentici”.

Man mano che i dipendenti ricalibrano il ruolo che il lavoro svolge nelle loro vite, stanno arrivando a rendersi conto che le definizioni pre-pandemia di successo, impegno e impegno potrebbero non sembrare più vere. L’ondata di dimissioni in atto è guidata in gran parte da lavoratori che vogliono di più dalla loro vita e dal loro lavoro dopo aver sperimentato il bilancio che ha avuto il Covid-19.

Le aziende che offrono ai dipendenti le risorse per prendersi cura della loro salute emotiva mettendo in atto i guardrail che impediscono in primo luogo il verificarsi del burnout, sono quelle che se la caveranno meglio.

Non basta offrire semplicemente dei programmi. Spetta ai leader dare l’esempio per mostrare alle persone che va bene essere se stessi.

Jimmy Etheredge, CEO del Nord America, Accenture

Jennifer Moss, autrice del libro “The Burnout Epidemic: The Rise of Chronic Stress and How We Can Fix It”, afferma che i leader non devono essere esperti sanitari. Ma hanno bisogno di sapere dove esistono quegli esperti di salute mentale nelle loro aziende e come i dipendenti possono accedervi. In un recente CNBC Consiglio esecutivo della forza lavoro evento, Moss ha detto che i manager sono “conduttori”. Devono “essere in grado di indirizzare le persone nella giusta direzione”.

Identificare i problemi

La capacità di fare proprio questo richiede che le aziende comprendano prima i diversi problemi di salute comportamentale con cui hanno a che fare. Il dottor Robert Quigley, direttore medico globale presso International SOS, una società di servizi sanitari, afferma che ci sono tre “punti” da considerare. Il primo è la causa e l’effetto tra un’infezione da Covid-19 e problemi di salute comportamentale.

Indica il recente Ricerca sulla lancetta che mostra una correlazione tra il virus e i sintomi neurologici tra cui PTSD, ansia e insonnia, che possono influenzare le prestazioni lavorative. Le aziende devono anche affrontare il modo in cui le persone affrontano la paura e la disinformazione. Avere una piattaforma che fornisce informazioni accurate e aggiornate sul virus è fondamentale, afferma.

Infine, le aziende devono rendersi conto che molti dipendenti si occupano da anni di problemi di salute comportamentale. La pandemia potrebbe averli esacerbati, ma sta anche consentendo alle organizzazioni di destigmatizzare queste condizioni e aiutare i dipendenti ad accedere alle cure di cui hanno bisogno.

“Questo è il motivo per cui mi piace chiamarla salute emotiva piuttosto che salute mentale”, afferma il dott. Quigley. “Rende più facile la discussione per le persone, ma comprende ancora cose come lo stress, l’ansia e la depressione che così tante persone stanno affrontando in questo momento”.

Aiutare i dipendenti a capire che in questo momento va bene non stare bene è forse uno dei maggiori vantaggi di questa attenzione alla salute emotiva. Etheredge afferma di essere diventato un alleato della salute mentale attraverso un programma di formazione con il gruppo di risorse dei dipendenti della salute mentale e del benessere dell’azienda. Ha chiesto a tutto il suo gruppo dirigente di fare lo stesso.

Il programma insegna come identificare e avere conversazioni aperte sulla salute mentale per connettere chi ha bisogno con il giusto supporto. Dall’inizio della pandemia, Etheredge afferma che la società ha esteso il programma a tutti i paesi in cui opera e ora ha oltre 8.500 alleati addestrati in tutto il paese.

“L’unico lato positivo della pandemia è che la salute mentale sta finalmente uscendo dall’ombra per entrare nel dibattito pubblico”, afferma. “Le aziende si sono rese conto che trascurare la salute mentale semplicemente non è più un’opzione e che l’attenzione e le risorse date per affrontarla sono qui per restare”.

Per entrare a far parte del Consiglio esecutivo della forza lavoro della CNBC, fai domanda su cnbccouncils.com/wec.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.