Attacchi alla libertà di espressione ‘devastanti’ per la salute pubblica | Notizie sulla pandemia di coronavirus Leave a comment


Censura e disinformazione durante la pandemia hanno avuto “un impatto devastante” sull’accesso alle informazioni, afferma Amnesty.

Gli attacchi alla libertà di espressione da parte dei governi e la diffusione della disinformazione a livello globale durante la pandemia di COVID-19 hanno avuto “un impatto devastante” sulla capacità delle persone di accedere a informazioni accurate per aiutarle a far fronte alla crisi sanitaria, ha affermato Amnesty International.

Il rapporto – Silenced and Misinformed: Freedom of Expression in Danger During COVID-19 – pubblicato martedì rivela come l’uso della censura e della punizione da parte delle autorità durante la pandemia abbia ridotto la qualità delle informazioni che raggiungono le persone.

La pandemia ha fornito una “situazione pericolosa” in cui i governi hanno utilizzato la nuova legislazione per chiudere i rapporti indipendenti e condannare i critici o anche coloro che hanno cercato di esaminare la risposta del loro governo alla crisi COVID-19, afferma il rapporto.

“Durante la pandemia, i governi hanno lanciato un attacco senza precedenti alla libertà di espressione, riducendo gravemente i diritti delle persone”, ha affermato il direttore senior di Amnesty per la difesa e la politica della ricerca, Rajat Khosla.

“I canali di comunicazione sono stati presi di mira, i social media sono stati censurati e i media sono stati chiusi, con un impatto terribile sulla capacità del pubblico di accedere a informazioni vitali su come affrontare il COVID-19.

“Nel mezzo di una pandemia, giornalisti e operatori sanitari sono stati messi a tacere e imprigionati. Di conseguenza, le persone non sono state in grado di accedere alle informazioni su COVID-19, incluso come proteggere se stesse e le loro comunità. Circa cinque milioni di persone hanno perso la vita a causa del COVID-19 e la mancanza di informazioni sarà stata probabilmente un fattore che ha contribuito”, ha affermato Khosla.

In Cina, all’inizio della pandemia, gli operatori sanitari, così come i giornalisti professionisti e cittadini, hanno tentato di dare l’allarme già a dicembre 2019, afferma il rapporto.

Ma il governo li ha presi di mira per aver riferito dell’epidemia, il che è stato un malattia sconosciuta al tempo.

A febbraio 2020, sono state aperte 5.511 indagini penali contro individui che hanno pubblicato informazioni per “fabbricare e diffondere deliberatamente informazioni false e dannose”, ha affermato.

In un caso, il giornalista cittadino Zhang Zhan si è recato a Wuhan nel febbraio 2020 per riferire dell’epidemia ed è scomparso a maggio. In seguito è stato rivelato che era stata detenuta dalla polizia, accusata di “aver raccolto liti e provocato guai”, e condannata a quattro anni di reclusione.

Altri paesi, tra cui Tanzania, Russia e Nicaragua, hanno attuato “leggi oppressive, che limitano il diritto alla libertà di espressione e mettono a tacere i critici sotto le spoglie o nel contesto della pandemia”.

“Divisione e confusione”

Anche le società di social media hanno svolto un ruolo nella diffusione di disinformazione sul COVID-19, perché le piattaforme sono progettate per amplificare i contenuti che attirano l’attenzione e non hanno fatto abbastanza diligenza per fermare la diffusione di informazioni false, afferma il rapporto.

“L’assalto della disinformazione, che sia attraverso società di social media o persone in una posizione di potere che cercano di diffondere divisione e confusione per il proprio tornaconto, sta ponendo una seria minaccia ai diritti alla libertà di espressione e alla salute”, ha affermato Amnesty. .

“Sta rendendo sempre più difficile per le persone avere un’opinione pienamente informata e fare scelte istruite sulla propria salute sulla base dei migliori dati scientifici disponibili. Una varietà di fonti è fondamentale, così come la capacità di mettere in discussione e discutere le informazioni disponibili”.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *