Anni di conflitto e instabilità aggravano i bisogni sanitari in Yemen: testimonianze del personale e dei pazienti di MSF – Yemen Leave a comment


Le esigenze di assistenza sanitaria in Yemen rimangono elevate dopo sette anni di guerra brutale. Dal 2016, Medici Senza Frontiere/Medici Senza Frontiere (MSF) fornisce servizi sanitari urgenti presso l’Ospedale Generale Rurale di Dhi As Sufal nel governatorato di Ibb, vicino a una delle prime linee del paese.

“Il bisogno medico a livello distrettuale è grande; l’area di Dhi As Sufal, in particolare, è diventata la dimora della maggior parte degli sfollati in fuga dal fronte sia nei governatorati di Taiz che di Al-Hudaydah”, ha affermato il dott. Iman, responsabile delle attività mediche di MSF -supportato dall’Ospedale Generale Rurale di Dhi As Sufal.

“La maggior parte dei casi che ricoveriamo in terapia intensiva sono casi chirurgici dovuti a ferite da arma da fuoco, casi accidentali con lesioni al torace e all’addome, gravi ustioni, talassemia. [an inherited blood disorder], tetano, infezioni del tratto respiratorio inferiore e malattie trascurate come morsi di serpente e morsi di cane”, ha affermato il dottor Adwa’a, supervisore dell’unità di terapia intensiva di MSF presso l’ospedale. “Alcuni casi medici arrivano in ritardo e le squadre fanno tutto il possibile per salvare le loro vite, ma quando vedi il sorriso di un paziente dopo essere guarito, questo ci motiva a farlo, conoscendo l’entità del bisogno delle persone di tali servizi, specialmente in tutte queste dure condizioni: guerra, povertà e debole stabilità economica”.

Oltre a curare pazienti adulti, l’ospedale dispone di una robusta unità pediatrica. “Le esigenze mediche per i neonati sono enormi in Yemen”, ha affermato Mohammed, un’infermiera neonatale presso il General Rural Hospital di Dhi As Sufal. “Questo ospedale si trova in una zona remota e non ci sono servizi di assistenza neonatale disponibili nell’area, motivo per cui MSF fornisce questi servizi per prendersi cura dei neonati. Spesso i neonati sono sottopeso e soffrono anche di infezioni che si verificano durante il parto. come asfissia alla nascita”.

Nei suoi cinque anni di attività in ospedale, MSF ha ricoverato più di 52.590 pazienti al pronto soccorso. Ogni settimana in media arrivano al pronto soccorso 290 pazienti e vengono effettuati 85 interventi chirurgici. MSF fornisce anche fisioterapia e assistenza per la salute mentale ai pazienti ricoverati in ospedale. Di seguito è riportata una selezione di testimonianze di pazienti e personale medico che hanno affrontato una serie di sfide mediche in condizioni strazianti.

Prendersi cura dei feriti

Salah, paziente di MSF al General Rural Hospital di Dhi As Sufal

Salah, 24 anni, ha avuto un incidente in moto. I medici di MSF presso l’Ospedale Generale Rurale di Dhi As Sufal lo hanno curato e sono riusciti a salvargli la gamba.

“Ho avuto un incidente automobilistico e sono stato ricoverato in diversi ospedali della città che hanno deciso di farmi amputare i piedi. Poi sono stato trasferito all’ospedale di MSF qui e sono stati eseguiti interventi chirurgici: i medici mi hanno fornito le cure necessarie, quindi i miei piedi ha cominciato a migliorare, grazie a Dio. I medici mi hanno detto che non c’era bisogno di alcuna amputazione. Sono molto contento di questo e del trattamento che ho ricevuto qui”. —Salah

Dr. Raoof, supervisore OT per MSF presso il General Rural Hospital di Dhi As Sufal

“Nella sala operatoria, riceviamo tutti i casi che necessitano di un intervento chirurgico salvavita di emergenza. Questi includono casi di lesioni da ferite da arma da fuoco, nell’addome o alle estremità, e casi di emorragia interna nell’addome o nel torace dopo incidenti stradali, gravi lesioni arteriose. e fratture, sia dopo esplosivi, spari o incidenti stradali, che minacciano la vita o gli arti di un paziente. Trattiamo anche casi di infezioni addominali acute [and inflammation]. Inoltre, interveniamo con il parto cesareo d’urgenza con tutte le cause che mettono a rischio la vita della madre o del feto.” –Dr. Raoof, supervisore sala operatoria presso l’Ospedale Generale Rurale di Dhi As Sufal

Uno dei nostri pazienti, [Ghamdan], si ferì al piede ed era in stato di putrefazione dalla coscia al centro della gamba. Aveva un difetto nella funzione renale a causa di tossine nel suo corpo e le sue condizioni erano difficili. Abbiamo fatto le pulizie e lui è stato ricoverato in terapia intensiva, dopo che i segni vitali hanno cominciato a comparire sul suo piede, e gli è stato fatto un trapianto di pelle alla gamba. Ora ha iniziato a camminarci sopra facilmente.” —Dr. Raoof

Ghamdan, paziente di MSF al General Rural Hospital di Dhi As Sufal

Ghamdan è caduto mentre lavorava in una fattoria e ha sviluppato un’infezione al piede che ha iniziato a gonfiarsi. È stato curato dal dottor Raoof e da altro personale di MSF presso l’ospedale rurale generale di Dhi As Sufal.

“All’inizio sono andato in un certo numero di ospedali e i medici mi hanno detto che il tessuto del piede era morto e questo ha richiesto l’amputazione. Ma dopo che sono arrivato qui all’ospedale di MSF, i medici mi hanno detto che avrebbero fatto del loro meglio per evitare l’amputazione. Grazie a Dio, dopo le operazioni, i tessuti del piede sono migliorati e sono tornati in vita, grazie mille ai medici qui”. —Ghamdan

Sadeq, fisioterapista presso l’Ospedale Generale Rurale di Dhi As Sufal

“Ci concentriamo sulla riduzione del tempo di permanenza dei pazienti in ospedale, sulla prevenzione di eventuali complicazioni che possono verificarsi durante il trattamento e, in generale, sul supporto dei pazienti dopo l’operazione. Facciamo sessioni con pazienti con fratture e ustioni, infezioni respiratorie e pazienti anche nel reparto pediatrico. All’inizio, i pazienti potrebbero non rendersi conto dell’importanza delle sessioni di fisioterapia, ma dopo una sessione vedono la differenza e li trovi a chiedere del fisioterapista per il trattamento”. —Sadeq

Rispondere ai bisogni dei bambini

Ali, padre di Yunes Ali, un paziente di sei anni del General Rural Hospital di Dhi As Sufal

Yunes Ali, sei anni, ha avuto un incidente stradale. Suo padre lo ha portato all’ospedale del General Rural Hospital di Dhi As Sufal per ricevere cure dal personale di MSF.

“I medici hanno eseguito interventi chirurgici su [Yunes], trapianti di pelle e l’operazione di chiusura della colostomia. È stato ricoverato nel reparto di degenza per oltre due mesi. Ora la sua salute sta migliorando e vedo di nuovo il suo sorriso.” —Ali, padre di Yunes Ali

Dr. Omar Ba’ashan, medico pediatrico per MSF presso l’Ospedale Generale Rurale di Dhi As Sufal

“La consapevolezza sanitaria nella regione è quasi inesistente e i servizi sanitari per la maternità sono deboli, oltre alla dura situazione economica e alle lunghe distanze per accedere agli ospedali. Vediamo bambini sottopeso, affetti da asfissia alla nascita, preeclampsia, infezioni polmonari, tetano, ustioni e altre condizioni di salute. L’équipe medica di questo reparto è dedicata [and] lavora giorno e notte per fornire la migliore assistenza a tutti i bambini.” —Dr. Omar Ba’ashan

Osama Al-Mujahid, autista di ambulanza

Osama Al-Mujahid lavora come autista di ambulanze per MSF a Dhi As-Sufal, dove vive con la sua famiglia, dopo essere stato costretto a lasciare la sua casa a Taiz quattro anni fa a causa delle continue violenze nella zona.

“Trasferiamo sempre i pazienti tra gli ospedali di MSF o altri ospedali. La maggior parte dei pazienti che trasferiamo ha subito incidenti o colpi di pistola. Alcuni sono bambini, con ferite. Il caso che mi ha colpito di più emotivamente è stato una ragazza, quando una granata è caduta accanto a lei e è caduta in un pozzo e si è ferita alla spina dorsale. Mi sono sentito molto triste per lei”. —Osama Al-Mujahid

Sessioni di supporto alla salute mentale per adulti e bambini

Afrah Al-Dumaini, psicologa di MSF presso il General Rural Hospital di Dhi As Sufal

Afrah Al-Dumaini lavora con bambini e adulti che beneficiano delle sessioni di salute mentale offerte in ospedale.

“Offriamo supporto psicologico e sessioni di salute mentale per bambini e adulti, principalmente per affrontare paure, depressione e tensioni a causa di lesioni di massa, ustioni, incidenti violenti o anche prima e dopo interventi chirurgici. Il team medico diagnostica i pazienti che hanno bisogno di assistenza psicologica sosteniamoli e li indirizzano a noi nel reparto di salute mentale, oppure durante i nostri giri identifichiamo i pazienti. Cerchiamo di rompere le barriere della paura e dell’ansia attraverso una serie di attività e giochi che variano da un paziente all’altro. Notiamo l’impatto del miglioramento degli stati psicologici dei pazienti sulla loro salute e sulla loro rapida risposta al trattamento. Continuiamo inoltre a seguire i pazienti anche dopo che sono stati dimessi dall’ospedale”. —Afrah Al-Dumaini

Basma, paziente di MSF presso il General Rural Hospital di Dhi As Sufal.

Basma, sette anni, è rimasta psicologicamente traumatizzata dopo un incidente d’incendio avvenuto mentre giocava nel suo quartiere dove viveva con la sua famiglia dopo che erano stati costretti ad andarsene a causa del violento conflitto a Taiz. Ha trascorso quattro settimane di convalescenza presso l’Ospedale Generale Rurale di Dhi As Sufal e continua a fare fisioterapia lì.

“[Basma] ha vissuto paure e incubi e facciamo sessioni private con lei per alleviare lo stress attraverso il gioco e il disegno. Notiamo che ama giocare e disegnare, e ora mangia bene, ha meno ansia e il suo stato di salute e psicologico è migliorato.

Il gioco è un modo molto utile per i bambini per aiutarli a esprimere i propri sentimenti ed emozioni. Cerchiamo di educare continuamente i genitori e gli operatori sanitari per assicurarci che i pazienti vivano con parenti o amici per prendersi cura di loro. [We also raise awareness and provide] consigli alla famiglia su come trattare il paziente e su come tenere conto della situazione psicologica che soffre dopo l’incidente che ha vissuto.” —Hind Al Marani, psicologo di MSF presso il General Rural Hospital di Dhi As Sufal.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.